I trekking di Terre Alte

I TREKKING DI TERRE ALTE 2018

Nei fine settimana, da marzo a giugno, e nei giorni di festa Terre Alte organizza passeggiate tematiche alla scoperta dei luoghi più suggestivi dell’ Alta Langa. Le escursioni vedono sempre la presenza di guide turistiche o naturalistiche e di esperti del territorio. Tutti i dettagli delle escursioni giornaliere sono specificate nel dettaglio per ogni uscita sul depliant. Richiedono un minimo di allenamento, abbigliamento adeguato, scarpe comode ed antiscivolo. In caso di maltempo si preferisce compiere comunque la passeggiata, eventualmente con variazioni nell’itinerario per favorire l’utilizzo dell’ombrello o evitare aree particolarmente fangose.
Consulta l’elenco completo delle tappe visitando il sito www.terrealte.cn.it.
Visualizza il programma completo 2018

Ecco le prossime date:

Domenica 11 marzo: Benevello – Il sentiero dei Pianeti di Pietra

 ”… tra le Alpi che chiudono il cielo e le strade che corrono sui crinali si apre un mare di lunghi dossi in fuga come onde parallele,……..” (da “Fuori Scena” di Gina Lagorio)

Benevello è il primo paese dell’Alta Langa: quando il cielo è limpido dal suo belvedere si può godere di uno splendido paesaggio. La visuale spazia a sud sui pendii dell’Alta Langa, a ovest sulle cime delle Alpi Marittime, a nord sui morbidi pendii della Bassa Langa disegnata dai vigneti.

Partendo dalla sommità del paese, sulla quale sorgono il Castello eretto nel XII secolo e la Parrocchiale, percorreremo un sentiero immerso nella vegetazione profumata, tipica degli ambienti collinari dell’Alta Langa, che ci condurrà nel fresco e silenzioso fondovalle caratterizzato dalla presenza del torrente Berria. Dopo aver affiancato un mulino storico di inizio ’800 raggiungeremo uno dei siti geologici più suggestivi del territorio: la natura ha espresso in questo luogo appartato la sua casuale fantasia di forme creando uno spettacolo irreale e fiabesco.

Affiancando un esteso noccioleto saliremo la collina dominata dal Santuario Madonna della Neve; la chiesa di origine quattrocentesca sorge in luogo panoramico e silenzioso e conserva all’interno, nelle navate laterali, l’originale pavimentazione in cotto e nell’abside la rappresentazione di una Madonna del XV secolo.

Siamo nel territorio di Lequi Berria piccolo nucleo abitativo le cui origini e denominazione si devono agli antichi abitanti della Gallia, i Celti. Imperdibile la sosta al punto panoramico del paese,  il bricco dove sorgeva l’ antico castello medievale, dal quale si  apre una vista a 360 gradi sul paesaggio circostante. Il nostro cammino prosegue seguendo un sentiero di cresta che ci riporterà nel territorio di Benevello dove raggiungeremo un altro luogo incantevole: Bricco Erba Fresca, straordinario punto panoramico e la leggendaria chiesetta  Madonna della Langa.

L’escursione che vi proponiamo, cielo limpido permettendo, è di grande bellezza paesaggistica!

Ritrovo ore 9,30 – Partenza ore 10,00 -  Piazza Castello – 12050 Benevello (Cn)

Lunghezza percorso Km 14,5 dislivello tot. 475 – (Escursionistico-Turistico)

pranzo al sacco – rientro nel pomeriggio ore 16,30

Costo escursione Euro 10  gratuità minori di 18 anni.

 

Domenica 18 marzo  –  Vezza d’Alba: Da bricco San Martino alla Madonna dei Boschi

Atmosfere primaverili  sulle colline dei grandi vini del Roero

Questa bellissima escursione prevede la visita al sito panoramico dove sorgeva l’antico castello dei Conti Roero, punto tappa della Strada Romantica: lo sguardo si apre a 360 gradi e si possono ammirare le colline della Langa, del Roero e l’arco Alpino dal Mon Viso alle Alpi Marittime. Si prosegue sulla cresta nei pressi di Bricco San Martino sul quale fu edificata un’antica pieve, si attraversano vigneti di grande pregio e si raggiunge un’area il cui toponimo è Vadolmo: sito di importanza paleontologica  per il ritrovamento di un femore fossile appartenuto ad un mastodonte, erbivoro di grandissime dimensioni,  la cui presenza risale al Pleistocene.  Percorreremo un piacevole sentiero tra boschi e vigneti  per risalire  sulle assolate creste  della  Valmaggiore,  località conosciuta per la produzione di pregiati vini.  Ci troviamo ai  piedi della suggestiva Madonna dei Boschi, Santuario edificato in un tipico “luogo alto” circondato dai boschi e avvolto da un’atmosfera di pace e silenzio.  La chiesa, ad una navata in stile romanico, venne edificata nel XII secolo. Nel 1471 il vescovo di Asti ne concede il giuspatronato ai Roero i quali, alcuni decenni più tardi, fanno costruire il convento annesso. La costruzione nel 1731 della volta sulla navata ha avuto l’effetto di confinare nel sottotetto un prezioso affresco gotico raffigurante l’Annunciazione, dipinto verso la fine del XV secolo. Nella cripta, dal 1608 alla fine dell‘800 vennero sepolti vari esponenti della famiglia dei Roero di Vezza e di Guarene. Rientreremo al punto di partenza attraversando il suggestivo Bosco di Val Tessera seguendo il percorso del Sentiero del Tasso.

Al rientro per chi lo desidera è prevista una visita con degustazione accompagnata da gradevoli stuzzichini presso una pregevole cantina del territorio. Un brindisi finale è un piacevole momento di convivialità e di conoscenza del territorio.

Ritrovo ore 9,30 – Partenza ore 10,00  Piazza San Carlo, 12040, Vezza d’Alba Borgonuovo (Cuneo)
Lunghezza percorso Km 11,30 circa, dislivello tot. 600 – (Escursionistico-Turistico)

pranzo al sacco – rientro dalla passeggiata nel pomeriggio ore 16,00

Costo escursione Euro 10 (escluse degustazioni facoltative ma consigliate) gratuità minori di 18 anni –

 

Aspettando la Pasqua – Sabato 31 marzo: Il sentiero Romantico del Roero

L’escursione che vi proponiamo ha come luogo di partenza il bellissimo centro storico di Magliano Alfieri e precisamente il sito del Castello barocco appartenuto alla famiglia del drammaturgo astigiano Vittorio Alfieri. Sulla spianata antistante la facciata della parrocchiale si gode di una vista spettacolare: ai nostri piedi l’ampio fondovalle del fiume Tanaro, di fronte a noi la Langa del Barbaresco e altre colline all’orizzonte. Dopo aver ammirato questo spettacolare scenario e dopo una sosta nell’area della Strada Romantica la nostra escursione ci porterà, percorrendo creste panoramiche, vigneti pregiati  e frutteti, nel territorio di Castellinaldo.

Raggiungeremo un luogo di eccezionale bellezza e tranquillità: la chiesetta di San Servasio,  emblematico “luogo alto” riconoscibile da lontano nell’orizzonte del Roero. Il “bric” su cui sorge la chiesa domina antichi percorsi e rappresenta un altare naturale rivolto ai vasti boschi che da sempre lo fronteggiano e agli immensi panorami che si aprono specialmente verso occidente.

L’introduzione in zona del culto di San Servasio si può far risalire a cavallo fra l’VIII secolo e il successivo ed era considerato santo protettore di vignaioli, fabbri e falegnami. In questo luogo potremmo assistere ad un evento speciale:  il suono delle conchiglie, una tradizione radicata in un remoto passato che viene riproposta ogni sabato che precede la Santa Pasqua.

Dopo aver visitato il centro storico di Castellinaldo, caratterizzato dalla terrazza panoramica e dal castello, attualmente di proprietà dei Ripa di Meana, rientreremo a Magliano attraversando un paesaggio che in primavera offre la sua veste più romantica e poetica.

Ritrovo ore 9,30 – Partenza ore 10 – Via Alfieri (c/o parcheggio), 12050, Magliano Alfieri (Cuneo)
Rientro alle auto nel pomeriggio alle 16,00

Lunghezza percorso Km 13,700 – Dislivello totale mt 425 Difficoltà E (Escursionistico-Turistico)

Costo escursione: Euro 10 (escluse degustazioni)  gratuità minori 18 anni